5 Cure Naturali per Combattere la Psoriasi

psoriasi-cure-naturali

Se soffri di psoriasi, sai bene come questo disturbo possa essere fastidioso e difficile da tenere sotto controllo. La psoriasi, infatti, si presenta come una forma di dermatite cronica che colpisce soprattutto il viso e il cuoio capelluto, ma anche gambe e braccia, soprattutto sulla più secca pelle delle ginocchia e dei gomiti. Questo disturbo può essere facilmente riconosciuto per via del prurito o addirittura del bruciore che accompagnano gli arrossamenti e le desquamazioni dell’epidermide.

Nonostante si tratti di un problema frequente, tuttavia, non esistono cure definitive per la psoriasi, che per lo più è legata a una predisposizione genetica che degenera in concomitanza di vari fattori, come lo stress, il contatto con particolari sostanze o un deficit del sistema immunitario. Nonostante questo, esistono diversi rimedi naturali che puoi adottare per contrastare i fastidi legati a questa malattia della pelle: sono facili da reperire e permettono di arginare il manifestarsi della psoriasi, senza ricorrere alle più invasive cure farmacologiche.

Ecco quali sono le cinque migliori cure naturali contro la psoriasi.

1) Gli oli vegetali amici della pelle

Se sei un amante dei cosmetici naturali, forse hai già a casa alcuni degli oli vegetali più utili per combattere la psoriasi. Tra questi possono essere annoverati per esempio l’olio di mandorle, ma anche quello di macadamia, quello d’oliva e quello di jojoba. L’applicazione locale di questi oli ha un effetto benefico sulla pelle, che risulterà ammorbidita, idratata e protetta. L’epidermide, resa più elastica e rinforzata dalla presenza di vitamine, sarà meno soggetta a screpolature e desquamazioni.

Puoi utilizzare questi oli quotidianamente, perché l’assenza di profumazioni di sintesi e ingredienti chimici li rende più sicuri ed efficaci dei cosmetici tradizionali. Tra i tanti oli vegetali utili contro la psoriasi, la medicina Ayurvedica consiglia in particolare l’olio di Neem, ottenuto dalla lavorazione della pianta conosciuta come Azadirachta Indica.

Si tratta di un rimedio davvero efficace contro molte patologie della pelle, come funghi, infezioni batteriche o virali e parassiti. Puoi utilizzarne qualche goccia direttamente sulla zona colpita, oppure diluirla in creme neutre o altri oli vegetali per ottenere unguenti sempre pronti da applicare in caso di infiammazione da psoriasi.

2) Fanghi curativi

Forse conosci già le proprietà che i fanghi curativi hanno su alcuni inestetismi, come le imperfezioni della pelle o la cellulite. I fanghi sono per molti utili anche in caso di psoriasi cronica, perché grazie ad alcune delle loro componenti svolgono sull’epidermide un’intensa azione purificante e curativa. Se sei affetto da questo fastidioso disturbo, quindi, puoi provare l’applicazione ciclica di fanghi ricchi di calcio, bromo, magnesio e iodio.

Si tratta di un rimedio naturale in grado di aiutare a far regredire le infiammazioni croniche della pelle, restituendole la naturale elasticità e impedendo le antiestetiche desquamazioni pruriginose tipiche della psoriasi. A questo scopo sono particolarmente indicati i fanghi del Mar Morto o quelli con una composizione organolettica simile.

3) Preparati erboristici a uso locale o orale

Se ti affidi alla natura per la cura dei tuoi disturbi fisici, preferendo le preparazioni erboristiche ai medicinali, puoi prendere in considerazione questo tipo di rimedi anche per la cura della psoriasi. In questo caso dovrai preferire gli unguenti che contengono principi attivi disinfettanti e calmanti, come la camomilla o la liquirizia. Di grande aiuto può essere anche il gel d’aloe vera, che puoi utilizzare anche in caso di altri problemi dell’epidermide come irritazioni di varia natura e scottature.

Se invece preferisci fare ricorso a rimedi che agiscano purificando la pelle dall’interno, puoi preferire un infuso di estratti vegetali da assumere oralmente. In questo caso puoi optare per una tisana di sambuco. Ti basterà mettere in infusione circa dieci grammi di fiori essiccati in una tazza di acqua bollente: la bevanda così ottenuta può essere assunta più volte al giorno, al naturale o dolcificata con stevia o un cucchiaino di miele biologico.

Grazie al sambuco, il tuo organismo si depurerà dolcemente, espellendo le tossine che sono spesso una pericolosa concausa dell’infiammazione. Puoi utilizzare lo stesso infuso di sambuco per lavare la zona colpita da psoriasi e avere un immediato effetto lenitivo dell’infiammazione.

4) Esposizione solare

Come per altre malattie della pelle, anche per la psoriasi può essere utile l’effetto benefico dei raggi solari. Perché il sole apporti un effettivo miglioramento alla tua pelle, però, è necessario adottare qualche precauzione. Evita le ore più calde della giornata, preferendo le prime ore del mattino o quelle che precedono il tramonto. Esponiti al sole gradualmente, preparando la pelle con l’assunzione di integratori vitaminici appositi che la rendano meno sensibile agli effetti negativi dei raggi.

Una scorretta esposizione, infatti, potrebbe avere l’effetto di aggravare lo stato infiammatorio provocato dalla psoriasi, anziché apportare miglioramenti. Nel caso in cui abbia deciso di provare la cura del sole per la tua pelle, quindi, può essere utile concordare con il medico un programma controllato di esposizione e sospendere temporaneamente l’eventuale assunzione di farmaci, che potrebbero rendere l’epidermide troppo sensibile alla luce.

5) Acqua marina e acque termali

Proprio come il sole, anche l’acqua del mare o determinate acque termali possono apportare grandi miglioramenti alla tua pelle affetta da psoriasi. L’effetto fortemente disinfettante del sale, infatti, contribuisce a far regredire infezioni e infiammazioni, livellando le desquamazioni della pelle e gli accumuli di cellule morte. Lo stesso effetto positivo dell’acqua marina può essere riprodotto anche nei centri estetici, nelle cosiddette ‘grotte di sale’, all’interno delle quali si pratica l’haloterapia.

Il sale non è, tra l’altro, utile solo contro la psoriasi, ma contro molte altre infiammazioni della pelle. Lo stesso effetto benefico, infine, è determinato dai bagni periodici in acque termali. In questo caso devi preferire fonti termali caratterizzate dall’alta presenza di zolfo, bicarbonato, calcio e magnesio. Queste sostanze, infatti, hanno spiccate proprietà disinfettanti e antibatteriche, che penetrano in profondità nell’epidermide durante il bagno e favoriscono allo stesso tempo l’espulsione delle tossine.

Grazie alle cure idrotermali, la tua pelle potrà gradualmente superare lo stato infiammatorio provocato dalla psoriasi e recuperare il naturale equilibrio.

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *